Questo sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, o interagendo con questo sito web, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni vai alla pagina Cookie Policy.

  • hedeaer home5
  • hedeaer home1
  • hedeaer home6
  • hedeaer home8
  • hedeaer home2
  • hedeaer home4
  • hedeaer home9
  • hedeaer home10
  • hedeaer home3
  • Adotta una Cicogna

    Sostieni il ritorno della cicogna in Calabria

     

    Fjord Image
  • Sostienici

    Tutto ciò che riusciamo a realizzare per l’ambiente e gli animali è reso possibile grazie al solo sostegno di persone amanti della natura.
    Fjord Image
  • SOS Animali feriti

    Se trovi un uccello o un altro animale in difficoltà...
    Fjord Image

Fjord Image

Sostienici

Read more

GAZZA MARINA APPESA ALL’AMO E FATTA DONDOLARE COME IN UN GIOCO

 

COMUNICATO STAMPA

 

È QUANTO ACCADUTO SULLE COSTE CALABRESI E DOCUMENTATO IN UN VIDEO PUBBLICATO SUL WEB.

LIPU: “SI INDENTIFICHI L’AUTORE DELL’INQUALIFICABILE GESTO DI VIOLENZA”

 

 

Suscita rabbia e sgomento il contenuto di un video pubblicato ieri da alcuni media online calabresi nel quale si vede un pescatore catturare all’amo un raro esemplare di gazza marina (alca torda) e, anziché soccorrerlo e affidarlo a un centro specializzato, lo fa penzolare per un periodo di tempo prolungato infliggendogli enormi sofferenze.

Ad affermarlo è la Lipu che spera si possa identificare al più presto il responsabile di questo inqualificabile gesto di violenza e maltrattamento contro la fauna selvatica.

La gazza marina è un uccello pelagico che nidifica sulle scogliere a picco dell’Europa nord-occidentale, in inverno si allontana dal suo areale riproduttivo disperdendosi nell’atlantico settentrionale spingendosi sino al mediterraneo occidentale. 

In Italia alcuni individui si possono osservare durante il periodo invernale nel mar ligure, mentre è molto raro vederla in altre regioni. Quest’anno invece sono giunte diverse segnalazione da varie regioni d’Italia anche quelle più a sud come Calabria e Sicilia. Difficile capire al momento le dinamiche di questi spostamenti se dovuti a condizioni climatiche o mancanza di risorse ittiche di cui la specie si nutre.

E’ peraltro di pochi giorni fa il ricovero di un esemplare di questa specie giunto in ipotermia, al Centro recupero uccelli marini e acquatici (Cruma) che la Lipu gestisce a Livorno: l’esemplare è in cattive condizioni di salute ma gli operatori del centro stanno prestando le cure necessarie e sperano, appena sarà possibile, di restituirlo al mare.

“Quello che abbiamo visto nel video pubblicato sul web è sintomo di una scarsissima sensibilità e di una preoccupante incompetenza nell’approccio alla fauna selvatica – dichiara Marco Gustin, responsabile Specie e ricerca della Lipu - E’ scandaloso che ancora oggi ci siano personaggi, perlopiù dediti ad attività di pesca, che non sono in grado di sapere cosa occorre fare in caso di ritrovamento di uccelli feriti o in difficoltà. Il caso clamoroso della gazza marina del video lo sta a dimostrare. Si faccia chiarezza sulla vicenda e si identifichi al più presto il responsabile di questa violenza insensata”.

La Lipu invita inoltre tutti i cittadini a segnalare eventuali osservazioni e nel caso di ritrovamenti di individui in difficoltà di informare tempestivamente la Lipu stessa, il più vicino centro recupero e le autorità competenti in materia.

Leggi tutto

EUROBIRDWATCH: CON LA LIPU L’1 E IL 2 OTTOBRE PER AMMIRARE LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI

Comunicato stampa

 

DECINE DI APPUNTAMENTI IN TUTTA ITALIA ORGANIZZATI DALL’ASSOCIAZIONE NELLE PROPRIE OASI E RISERVE E IN ALTRE AREE PROTETTE RICCHE DI BIODIVERSITA’. PER TUTTO IL MESE DI OTTOBRE ANCHE IL “BIRDWATCHING DEI PICCOLI”

 

Due giornate dedicate al birdwatching, divertendosi con le gare del “Big Day” e partecipando al più grande censimento europeo degli uccelli selvatici. Si svolgerà sabato 1 e domenica 2 ottobre la 30esima edizione dell’Eurobirdwatch, il più importante evento dedicato al birdwatching in programma in oltre 30 Paesi europei organizzato da BirdLife Europa con il coordinamento di BirdLife Slovacchia.

Un evento speciale che cade nel centenario dalla fondazione di BirdLife International, la grande rete mondiale di associazioni per la conservazione della natura di cui Lipu è partner per l’Italia e i cui festeggiamenti sono in corso in Inghilterra, tra Londra e Cambridge, proprio in queste settimane.

L’Eurobirdwatch, che occuperà l’intero primo weekend di ottobre, prevede decine di appuntamenti in tutta Italia con escursioni, giochi e gare per tutti in programma nelle oasi e riserve gestite dalla Lipu e in altre aree protette, o ad alta presenza di uccelli selvatici, come zone umide, fiumi, aree costiere, boschi e colline, scelte dai volontari delle sezioni della Lipu per la presenza di uccelli selvatici.

La sezione Lipu di Rende organizzerà una uscita presso la Riserva Naturale Regionale del Lago di Tarsia, in collaborazione con l’Ente gestore della Riserva. Si tratta di una delle aree naturalistiche calabresi più ricche e importanti da un punto di vista ornitologico sia per numero che per quantità di specie presenti.

Grazie all’aiuto dei volontari e dello staff, i partecipanti all’Eurobirdwatch dell’1 e 2 ottobre potranno imparare a riconoscere gli uccelli e divertirsi con il “Big day”, la gara di birdwatching che premierà i gruppi vincitori di quattro gare: la prima riguarda avvistamento del maggior numero di balestrucci; la seconda l’avvistamento di una specie “segreta” (che verrà svelata solo a fine evento); la terza l’avvistamento del maggior numero di specie, mentre la quarta premierà la miglior fotografia che racconta l’evento.

Come ogni anno, anche la Lipu, sul modello della citizen science, raccoglierà con tutti i partecipanti preziose informazioni su specie ed esemplari osservati, dati che confluiranno a livello europeo e costruire un quadro degli avvistamenti in Europa, in un periodo clou per la migrazione autunnale degli uccelli selvatici.

Saranno osservabili in tutto circa 200 specie, tra migratori e svernanti in arrivo: rapaci come aquila minore, poiana e sparviere, aironi e anatre lungo le zone umide e, inoltre, i primi “svernanti” come pettirosso, fringuello, tordo bottaccio, luì piccolo e frosone.

All’interno di alcuni appuntamenti dell’Eurobirdwatch si svolgerà anche il “Birdwatching dei piccoli”, l’iniziativa rivolta ai più giovani, realizzata dal settore Educazione della Lipu, che proseguirà con un fitto programma nelle Oasi e riserve della Lipu per tutto il mese di ottobre.

Nella convinzione che il birdwatching sia una pratica adatta a tutta la famiglia e aiuti a sviluppare la concentrazione e la capacità di osservazione.

 

Programma e informazioni logistiche per partecipare al'uscita presso la Riserva Naturale del Lago di Tarsia:

Ore 8.30: Ritrovo presso lo spiazzo antistante l’Hotel Ferramonti – Uscita A2 Tarsia Sud;

Ore 9.00: Inizio visita guidata ed attività di osservazione e censimento dell’avifauna;

Ore 12.30: fine osservazioni.

L’evento è gratuito e aperto a tutti i soci Lipu, per i non soci si suggerisce l’iscrizione all’associazione che potrà essere effettuata anche durante l’evento, si potrà così usufruire della copertura assicurativa.

Munirsi di binocolo, macchina fotografica e un abbigliamento adatto ad una uscita di birdwatching evitando colori sgargianti.

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 3487066531 – 3247764516 - 3286234364

Conclusa in Calabria l'attività di monitoraggio del Fratino in Calabria

 

COMUNICATO STAMPA

FRATINO: SOLO 600 COPPIE IN 8.300 CHILOMETRI DI COSTE ITALIANE. TURISMO BALNEARE, PULIZIA MECCANICA E FUORISTRADA DISTRUGGONO I NIDI E CONDANNANO LA SPECIE A UN FORTE DECLINO Intanto la Lipu ha concluso in Calabria il monitoraggio 2022: 32 volontari in azione per mettere in sicurezza i nidi lungo 58 chilometri di costa.

 

Foto di Luigi Sebastiani

 

L’Italia ha 8.300 chilometri di coste, e molte di queste sono l’habitat ideale per la riproduzione del fratino, un piccolo limicolo che, nonostante questo potenziale vantaggio, ha una popolazione di sole 600 coppie sull’intero territorio nazionale.

In occasione della conclusione del censimento effettuato quest’anno dai volontari in Calabria da marzo ad agosto in coordinamento con il Comitato Nazionale per la Conservazione del Fratino (CNCF) a livello nazionale, è la Lipu a stilare un bilancio di questa specie in Calabria, il cui declino è imputabile ad alcuni fattori quali una forte urbanizzazione delle coste, un diffuso e intensivo turismo balneare e attività connesse, la pulizia meccanica delle spiagge (che distrugge spesso i nidi), la presenza di moto e fuoristrada e cani non gestiti dai proprietari e liberi di predare i pulcini.

La recente guida realizzata dalla Lipu "Conoscerli, proteggerli. Guida allo stato di conservazione degli uccelli in Italia"  assegna “semaforo rosso” al fratino, che significa cattivo stato di conservazione, mentre la Lista rossa, nel 2019, ha confermato, rispetto alla precedente edizione del 2012, la collocazione di questa specie nella categoria “minacciata”, la seconda categoria più grave per il rischio di estinzione di una specie.

Il lavoro svolto dai volontari in Calabria ha visto quest’anno all’opera 32 volontari che hanno percorso 58 chilometri per cercare la presenza del fratino e metterne in sicurezza i nidi.

Nelle 32 aree controllate, divise tra il Tirreno e lo Ionio, per un totale di 642 ore impegnate e 183 uscite effettuate, sono stati rinvenuti quattro nidi, oltre a 3 coppie, qualche individuo singolo e un gruppo di 12 fratini che ha stazionato sulla spiaggia di Catanzaro lido tra febbraio e metà marzo.

“La scarsità di nidi trovati - affermano i volontari Lipu - ci fa capire la rarità di questa specie e nel contempo, lo status di conservazione non ottimale delle nostre spiagge. Il fratino è infatti anche un indicatore ecologico dello stato di salute dell’ambiente costiero e la sua assenza è indice di una spiaggia priva di elementi di naturalità, dove le attività umane intervengono alterando l’equilibrio di un ecosistema complesso.

L'attività di monitoraggio in Calabria è stata anche affiancata da un'opera di sensibilizzazione, diretta alle amministrazioni locali e alla società civile, utile ad informare sui pericoli e sulle minacce che stanno conducendo questa specie sull'orlo dell'estinzione.

“Facciamo appello alle istituzioni preposte e a tutti i cittadini che vogliano partecipare a questa attività di ricerca e di salvaguardia del nostro territorio costiero di unirsi a noi - spiegano ancora i volontari Lipu - abbiamo bisogno di fare rete, in un’ottica di citizen science, che possa monitorare, proteggere questa straordinaria specie.

“La conoscenza e la consapevolezza all’interno di una rete ampia di persone - concludono i 32 volontari impegnati in questa attività - può essere un’arma efficace contro le deturpazioni, le opere inutili, gli eventi dannosi, gli illeciti ambientali e gli interessi economici di pochi”.

    

   

2 settembre 2022

WEBCAM LIPU: CHE MERAVIGLIOSA, STRAORDINARIA AVVENTURA!

 

Questa webcam ci ha accompagnato per sei lunghi mesi in una meravigliosa, straordinaria avventura. Dal 27 febbraio ha cominciato a trasmettere immagini esclusive e inedite di una coppia di cicogna bianca riprendendone le varie fasi riproduttive al nido, dal corteggiamento alla deposizione delle uova, dall'amorevole cura dei pulcini sino al loro involo.

È stato un percorso unico e straordinario condiviso con migliaia di persone collegate in diretta streeming da varie parti d'Italia e del mondo.

Ci ha regalato immagini stupende, emozioni indescrivibili, ci ha fatto conoscere e stringere amicizie con tantissime persone entusiaste di questa nostra iniziativa.

Questa webcam è stata anche uno strumento utile di sorveglianza che ha consentito di salvare la vita ad uno dei due cicognini della nidiata.

Le due giovani cicogne, Calabria Arintha e Maverick, si sono involate 4 settimane fa, hanno intrapreso il lungo viaggio migratorio verso il continente africano, probabilmente lo hanno già raggiunto.

Il nido ora è tristemente vuoto, per cui abbiamo deciso di disattivare la webcam e questo avverrà nella mattinata del 30 agosto.
La riattiveremo a febbraio del prossimo anno, ovvero all'inizio della nuova stagione riproduttiva.

E vorremmo fosse una webcam migliore di questa perché l'intenzione è di sostituirla con una a più alta definizione e che possa anche trasmettere i suoni così da ascoltare il caratteristico battito del becco (bill clattering) che le cicogne solitamente fanno per rafforzare il legame di coppia e difendere il territorio.

Per consentire alla nostra associazione di sostenere l'acquisto della nuova webcam e le spese di gestione, ovvero l'abbonamento mensile streeming, abbiamo deciso di lanciare una campagna raccolta fondi.

Chiunque voglia contribuire può farlo versando una donazione sul codice Iban della sezione Lipu di Rende:

IT60Q0306909606100000165022

o tramite paypal

http://www.lipurende.it/sostienici/fai-una-donazione.html

specificando donazione per acquisto webcam 2023.

Siamo sicuri che la vostra generosità ci consentirà di raggiungere l'atteso obiettivo per continuare insieme questa meravigliosa, straordinaria avventura!

Strage di cicogne bianche nel crotonese

 

 Qualche giorno fa un gruppo di circa 150 cicogne in migrazione, provenienti probabilmente dal nord Europa (una di queste portava un anello con codice alfanumerico austriaco), ha fatto tappa nel territorio di Rocca di Neto- KR in località Poligrone.

Almeno 4 cicogne hanno impattato contro i conduttori scoperti di una linea elettrica e purtroppo sono morte fulminate sul colpo, un’altra rimasta ferita è stata recuperata e trasportata al Cras di Rende (CS).

È stata immediatamente informata la locale stazione dei carabinieri forestali ed e-distribuzione con i cui dirigenti abbiamo già avuto un primo incontro e stiamo lavorando insieme per trovare la soluzione più efficace per mettere in sicurezza la linea elettrica e consentire, non solo il passaggio e la sosta sicura delle cicogne durante la migrazione, ma anche la nidificazione attraverso l’installazione di alcune piattaforme nido.

L’area tra l’altro è di particolare pregio e interesse naturalistico perchè ricade nella ZPS (Zona Protezione Speciale) del "Marchesato e Foce Neto” e quindi merita una attenzione particolare.

Sono eventi questi che non dovrebbero mai capitare e difficili da commentare!

Ringraziamo il nostro socio Lipu, Mario Pucci, Eugenio Muscianese della StorCal e i volontari del Cras di Rende per le operazioni di recupero

Altri articoli...

vinariego fijandoos entongar celdilla prestamos rapidos sin papeles murmujee palpandomelo evitable