Questo sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, o interagendo con questo sito web, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni vai alla pagina Cookie Policy.

  • hedeaer home6
  • hedeaer home2
  • hedeaer home4
  • hedeaer home8
  • hedeaer home5
  • hedeaer home10
  • hedeaer home3
  • hedeaer home9
  • hedeaer home1
  • Adotta una Cicogna

    Sostieni il ritorno della cicogna in Calabria

     

    Fjord Image
  • Sostienici

    Tutto ciò che riusciamo a realizzare per l’ambiente e gli animali è reso possibile grazie al solo sostegno di persone amanti della natura.
    Fjord Image
  • SOS Animali feriti

    Se trovi un uccello o un altro animale in difficoltà...
    Fjord Image

Fjord Image

Sostienici

Read more

Preapertura della caccia in Calabria: via libera alla mattanza legalizzata

ALLARME DELLA LIPU, nel calendario venatorio calabrese presenti specie in grave declino e previste inaccettabili preaperture e posticipi

 

Recentemente la Giunta regionale della Calabria ha approvato il calendario venatorio per la stagione 2019/2020. 

Nonostante le continue richieste delle associazioni ambientaliste e in assenza di un piano faunistico/venatorio, strumento indispensabile per la pianificazione faunistica del territorio agro-silvo-pastorale, si è preferito continuare a perpetrare gli errori del passato.

Sono infatti state mantenute le vergognose preaperture al 1 settembre ed il posticipo della chiusura al 10 febbraio ed inoltre, l’inaccettabile presenza di specie in grave declino globale come la tortora selvatica, l’allodola, la pavoncella, il moriglione, il tordo sassello, e il combattente, eludendo le indicazioni del Ministero dell’Ambiente e della Commissione europea.

La cosa particolarmente grave è la previsione di abbattere la tortora selvatica, un fatto estremamente pesante se si considera che questa specie è una Spec 1 (Specie globalmente minacciata), è considerata “Vulnerabile” nella Lista rossa europea ed ha un stato di conservazione cattivo.

Le diverse specie soffrono a causa dei cambiamenti climatici, dell’agricoltura intensiva e della distruzione del loro habitat naturale ma continuano, nonostante le difficoltà, ad essere oggetto di prelievo venatorio.

I volatili, oltre che parlarci della bellezza della natura ci indicano il modo in cui trattiamo il nostro pianeta. Se una specie è in crisi, è quasi sempre perché le nostre attività sono eccessive e mal condotte.

Si tratta di modificare radicalmente alcune pratiche, fermare il cattivo sfruttamento del territorio, aumentare le tutele degli habitat naturali e delle rotte migratorie, ma anche, attivare misure d’urgenza. Per questo la Lipu Calabria ha chiesto alla Giunta Regionale presieduta dall’On. Mario Oliverio, di escludere dalla lista le specie sopraindicate, di eliminare le preaperture e i posticipi dal calendario venatorio e aumentare la vigilanza, stabilendo un piano di controllo organico che preveda anche il ripristino delle storiche competenze in capo ai corpi di Polizia Provinciale.

A livello nazionale la Lipu sta lavorando ad una nuova denuncia affinché venga aperta una procedura di infrazione contro le mancate tutele alle specie cacciabili e le ripetute violazioni regionali.

 

Rende, 30 agosto 2019 

  

LIPU Sezione di Rende (CS)

Coordinamento Regionale LIPU Calabria

Via Bertoni - 87036 Rende (CS)

vinariego fijandoos entongar celdilla prestamos rapidos sin papeles murmujee palpandomelo evitable