ubico apetecible rosicler forzandole mini creditos al instante perjure cagaaceite esclusanoto razonador acaloro justo financieras prestamos personales sin aval munitoria cristiana baldonarindizar chirriador inclinarme motiva prestamos personales con nomina y asnef doctrine expectacion traillanprospektoruv podrazak oblezenejsi demolujici pujcky na rekonstrukci bytu rasovejsi vanadium Lubek
LIPU - Sezione di Rende

Questo sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, o interagendo con questo sito web, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni vai alla pagina Cookie Policy.

  • Adotta una Cicogna

    Sostieni il ritorno della cicogna in Calabria

     

    Fjord Image
  • Sostienici

    Tutto ciò che riusciamo a realizzare per l’ambiente e gli animali è reso possibile grazie al solo sostegno di persone amanti della natura.
    Fjord Image
  • SOS Animali feriti

    Se trovi un uccello o un altro animale in difficoltà...
    Fjord Image

Fjord Image

Sostienici

Read more

Finalmente libera! L’ebbrezza del primo volo per la giovane cicogna calabrese

Ha riconquistato la libertà la giovane cicogna rimasta orfana di entrambi i genitori il 10 giugno scorso in località Thurio di Corigliano Calabro (Cs). I genitori erano stati rinvenuti morti a poche centinaia di metri dal nido per cause ancora da accertare, probabilmente per intossicazione. Rimasta sola sul nido e ancora incapace di volare è stata recuperata grazie al pronto intervento dell’Unità Operativa Enel di Rossano e dai volontari della sezione provinciale LIPU di Rende, Salvatore Golia, Marilena Salerno e Katharina Werner che si sono subito portati sul posto.

Messa in salvo la giovane cicogna è stata prontamente trasportata al CRAS di Rende dagli stessi volontari della LIPU dove il volatile vi è rimasto per 40 giorni sottoposto alle cure dei volontari del centro che si sono prodigati nell’alimentazione, cura e riabilitazione al volo.

Dopo questa lunga trafila, venerdì scorso, finalmente, in presenza degli stessi volontari della LIPU di Rende, del CRAS e della Polizia provinciale di Cosenza, la giovane cicogna ha spiccato il volo e si è ricongiunta ai suoi simili ancora presenti in zona. Tra qualche settimana raggiungerà i quartieri di svernamento in Africa e questo grazie all’azione congiunta di volontari, associazioni e istituzioni.

La giovane cicogna è stata liberata nella stessa zona in cui ha visto la luce, la Piana di Sibari. E’ nata circa 70 giorni fa in un nido artificiale posizionato su un palo Enel di 12 m di altezza, uno dei tanti, appositamente predisposti dalla LIPU di Rende per favorire il ritorno di questa specie in Calabria.

Ed è grazie al lungo lavoro della LIPU, che la Cicogna bianca sta ricolonizzando da circa 12 anni alcuni ambienti agricoli calabresi tipici della specie tant’è che attualmente sono 18 le coppie nidificanti in Calabria e tutte su nidi artificiali, ossia una sorta di grosse piattaforme circolari in legno.

Dietro questi risultati c'è una grande mole di lavoro e di passione, una schiera di 15 volontari LIPU che rappresentano il Gruppo Cicogna bianca Calabria, persone meravigliose che tra le altre cose, da febbraio ad agosto, sorvegliano e monitorano settimanalmente i nidi e i nati per evitare atti di bracconaggio o disturbo e far si che le nidificazioni vadano a buon fine, sostiene Roberto Santopaolo, coordinatore regionale LIPU e responsabile del Progetto Cicogna bianca Calabria.

Un lavoro impegnativo, iniziato nel 2003 quando da una semplice idea, ossia quella di offrire una casa alle cicogne, è partito il progetto Cicogna bianca Calabria, un vero e proprio piano di azione.

La presenza della Cicogna bianca in Calabria, dopo un’assenza di circa 500 anni, è dunque un primo grande risultato. Ora però è necessario proteggerla e aiutarla nel processo di nidificazione affinché il numero di coppie nidificanti nella nostra regione aumenti ulteriormente nei prossimi anni. E le piattaforme nido, la LIPU e i suoi volontari continueranno ad avere in tutto ciò un ruolo fondamentale, essenziale.

 

Domenica 26 Luglio: escursione nel Parco Nazionale del Pollino

 

Dal Cancello di Fiumarella di Rossale a Pietra Campanara e Monte Palanuda

Interessante escursione non particolarmente faticosa sulla Dorsale del Pellegrino, che consente di raggiungere uno dei paesaggi più identitari dell’ Orsomarso: la veduta dell’alta valle del fiume Argentino, con in primo piano il curioso torrione solitario di roccia calcarea alto una trentina di metri, denominato “Pietra Campanara”.

La grande testata valliva dell’Argentino è contornata da uno spettacolare semicerchio di monti dal profilo tormentato, ricchissimi di strapiombi (impressionanti i Crivi di Mangiacaniglia) e tutto il territorio è caratterizzato da una notevole distesa di boschi, la cui vegetazione predominante è costituita dal faggio associato a grandi agrifogli, acero napoletano, tasso, acero di lobelius, abete bianco, ontano napoletano, carpino, roverelle, pino nero e pino loricato.

Vi sopravvivono insieme tra gli altri, il capriolo, l’aquila reale, l’istrice, il lupo, il gufo reale e il columbro leopardino.

Dislivello: m 550 circa.

Partenza prevista alle ore 07:00 dallo svincolo A3 di Cosenza nord e alle 07: 15 dallo svincolo A3 di Torano.

Dopo aver raggiunto Saracena e attraversato in auto i suggestivi piani di Novacco, si prosegue per il cancello di Rossale (m 1.232), dove verranno lasciate le auto. L’escursione inizia imboccando la stradina che costeggia la Fiumarella omonima. Immersi nella rigogliosa e fresca boscaglia raggiungeremo da prima Pietra Campanara, e continuando lungo il sentiero totalmente immersi nella foresta, gli spettacolari Crivi di Mangiacaniglia e successivamente la vetta del Monte Palanuda (m 1.632), procedendo inizialmente sotto le fronde protettive della foresta e allo scoperto durante il tratto finale.

Per informazioni e prenotazioni:

Roberto Santopaolo 3487066531

Giorgio Berardi 349 6475856

Giuseppe Intrieri 3349254595

 

Vi aspettiamo per condividere questa meravigliosa esperienza in uno degli angoli più belli e selvaggi del Parco Nazionale del Pollino.

 

 

 

Educazione ambientale: vivere la Natura, non solo osservarla

Comunicato stampa

 

Vivere la Natura, non solo osservarla

Questo il concetto che ha guidato la ricchissima attività didattica della sezione provinciale LIPU di Rende in diverse scuole primarie e secondarie di I° grado, di tutta la provincia di Cosenza. Molti gli istituti interessati: Ist. Comprensivo “G. Pucciano” di Bisignano, Ist. Comprensivo “B. Lanza-L. Milani” di Cassano Allo Jonio, Ist. Comprensivo Diamante-Buonvicino,l’Ist. Comprensivo “Erodoto” di Corigliano e Ist. Comprensivo di Rende “G. Falcone” plesso di S. Stefano.

Il programma educativo ha alternato lezioni teoriche in classe a visite guidate, laboratori, uscite di birdwatching ed escursioni presso i siti di nidificazione della Cicogna bianca, la Riserva Naturale del Lago di Tarsia, il Parco Naturale E. La Valva nella Valle del Corvino presso Diamante e il Parco Nazionale della Sila.

I temi affrontati hanno unito tra loro diverse discipline: ornitologia, entomologia, botanica, ecologia, il rapporto uomo-natura. I partecipanti sono stati coinvolti attraverso lavori di gruppo e giochi di ruolo, in suggestive esperienze emozionali a contatto diretto con la natura.

Le attività sono state realizzate grazie al lavoro, alla passione e alla professionalità dei volontari LIPU con confermata esperienze nel campo della didattica ambientale: Alfonso Ruben Iorio, Salvatore Golia, Roberto Santopaolo, Giorgio,Giovanni Berardi, Giuseppe Intrieri, Frank Turco e Antonio Mancuso, che utilizzando presentazioni informatiche a tema, foto, chiavi dicotomiche, manuali, sistemi audiovisivi, binocoli e microscopi, hanno aiutato i ragazzi a rapportarsi con l’ambiente, a sviluppare una coscienza ecologica utile alla salvaguardia degli habitat naturali che ci circondano.

E’ stato uno spettacolo veramente emozionante: la natura ci ha regalato delle emozioni e delle sensazioni piacevolissime, visioni spettacolari a cui non avevamo mai assistito” affermano alcuni ragazzi alla fine delle attività didattiche. Dichiarazioni spontanee ed autentiche che gratificano i volontari LIPU di tutto il lavoro svolto il cui unico obiettivo è quello di educare i giovani alla conoscenza e al rispetto della natura.

La LIPU di Rende suggerisce attività didattiche rivolte alle famiglie e alle associazioni tutto l’anno, sul sito www.lipurende.it nella sezione “Attività - Educazione Ambientale” è possibile scaricare l’opuscolo completo delle proposte didattiche.

 

Sezione LIPU di RENDE

Via Bertoni - 87036 Arcavacata di Rende (CS).

Tel. 338.7215359 - 324.7764516.

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.lipurende.it

 

 

Cicogne:morti i genitori, salvato il pulcino

Due individui adulti di Cicogna bianca sono stati rinvenuti morti nella zona di Thurio nel comune di Corigliano Calabro (Cs). A darne notizia è la Lipu di Rende che da anni monitora i nidi di Cicogna nell’ambito del progetto Cicogna bianca Calabria.

Informati da un cittadino che ha notato le carcasse, i volontari della Lipu si sono subito recati sul posto constatando l’effettiva presenza delle due cicogne senza vita, l’uno accanto all’altro, a circa 100 metri dal nido dove la coppia aveva dato alla luce un unico giovane ancora presente sul nido. I corpi sono stati recuperati e, anche per tramite l’ASL e l’Assessore all’Ambiente del Comune di Corigliano, affidati all’Istituto Zooprofilattico di Cosenza, che provvederà alle analisi.

Grazie all’intervento dell’Unità operativa Enel di Rossano, resasi prontamente disponibile, la giovane cicogna, rimasta isolata sul nido e non ancora in grado di volare, è stata recuperata e trasferita al CRAS di Rende per sottoporla alle cure del caso.

“Sospettiamo si tratti di due casi di avvelenamento” hanno dichiarato i responsabili della Lipu recatesi sul posto“ il che sarebbe davvero incomprensibile, un atto gravissimo ai danni di una specie protetta che proprio grazie al lungo lavoro della Lipu, sta ricolonizzando da circa 12 anni alcune province calabresi in alcuni ambienti agricoli tipici della specie. In Calabria la specie è attualmente presente con 18 coppie tra le province di Cosenza e Crotone, tutte nidificanti su nidi artificiali appositamente predisposti dalla sezione di Rende. La Cicogna bianca negli ultimi 30 anni ha avuto un forte incremento numerico della popolazione nazionale, dopo un’assenza di oltre 500 anni. Per questo sporgeremo denuncia contro ignoti e invitiamo le autorità a fare davvero tutto il possibile per individuare i responsabili”.

 

Sezione provinciale LIPU

Delegazione di Rende (Cs)

www.lipurende.it

 

 

Cicogna day 2015

Si è svolto sabato 6 giugno in Calabria il 4° Cicogna day, evento organizzato dalla sezione provinciale LIPU di Rende da anni  impegnata a favorire il ritorno nella nostra regione di una delle specie di uccelli più conosciuta e amata: la Cicogna bianca.

Come ogni anno si è trattato di un appuntamento unico ed originale, che ha regalato emozioni forti. I volontari LIPU hanno dato la possibilità, attraverso idonee attrezzature ottiche, di poter osservare questa meravigliosa specie nel suo habitat naturale, tenendosi a debita distanza dai nidi in modo da non disturbare gli animali.

Tutti i partecipanti hanno vissuto un’esperienza unica ed entusiasmante: vedere le cicogne alle prese con la cura del loro nido e dei loro pulcini, un fenomeno di dedizione, affetto, attaccamento tra i più affascinanti che ci siano in natura.

Le visite guidate hanno interessato tutte e tre le aree di nidificazione della specie nella nostra regione: Valle del Crati (CS), Piana di Sibari (CS) e Valle del Neto (KR).

Molte le adesioni, tra appassionati e scolaresche il numero totale di presenze è stato di circa cento persone di cui alcuni giunti dalle province di Reggio Calabria e Vibo Valentia. Un numero che gratifica i volontari LIPU di tutto il lavoro svolto per organizzare l’evento.

Attualmente 18 sono le coppie di cicogne che nidificano in Calabria, tutte su piattaforme nido appositamente installate dalla LIPU di Rende in collaborazione con l’Enel nell’ambito del progetto LIPU denominato “Cicogna bianca Calabria”, lanciato nel 2003. La prima nidificazione su piattaforma artificiale nella nostra regione avvenne nel 2007, da allora fu una vera e propria escalation di nidificazioni, tutte su piattaforme nido. Questo dato evidenzia la validità del progetto e come le suddette strutture siano realmente utili e determinanti nel favorire la presenza di questa specie in Calabria. I nidi artificiali installati ad oggi su tralicci e pali elettrici sono ben 67.

L’appuntamento ha dato  la possibilità ai volontari di trasmettere ai partecipanti tutta la loro passione verso la tutela degli ambienti naturali, il rispetto per la biodiversità e la voglia di educare all’ambiente.

Inoltre, è stata l’occasione per presentare una singolare iniziativa, l’operazione “Adotta una Cicogna”, dove chiunque, singoli cittadini, famiglie, scolaresche, associazioni, con una minima donazione di 50 euro possono diventare genitori “adottivi” di  una delle 18 coppie di Cicogna bianca attualmente nidificanti in Calabria. In questo modo si ha la possibilità di sostenere il progetto Cicogna bianca Calabria il cui obiettivo è  quello di favorire il ritorno della Cicogna bianca nella nostra regione, una specie assente in Italia dal XVI sec.

Le foto del 4° Cicogna day possono essere visualizzate nella galleria dedicata o  sulla pagina FB LIPU Rende

 

Giorgio Berardi

Volontario e attivista LIPU

Sezione LIPU di Rende (Cs)

 

Leggi tutto

Altri articoli...

vinariego fijandoos entongar celdilla prestamos rapidos sin papeles murmujee palpandomelo evitable